No alle tessere sanitarie senza microchip

0
134

COMUNICATO STAMPA

30 agosto 2022

 

 

Sanità, tessera sanitaria senza microchip, Movimento Consumatori ed Assoutenti: ulteriore attacco all’accesso ai servizi sanitari e al diritto alla salute dei cittadini

Mancano i semiconduttori per la produzione dei microchip e, ancora una volta senza coinvolgere le associazioni dei consumatori – affermano Alessandro Mostaccio, segretario generale del Movimento Consumatori e Furio Truzzi, presidente di Assoutenti –  il Governo ha stabilito, con un decreto pubblicato in sordina sulla Gazzetta ufficiale del 9 giugno che ha recepito il decreto del 30 maggio 2022, che le tessere sanitarie possono essere stampate e distribuite ai cittadini anche senza il microchip e ciò senza avere la possibilità di cercare insieme ai decisori altre strade per evitare il depotenziamento di uno strumento ormai fondamentale nella vita delle persone”.

“Questa decisione – aggiunge l’avvocato Laila Perciballi, consulente alla sanità delle due associazioni e impegnata nella promozione dei valori delle professioni sanitarie –  è in assoluto contrasto con la rivoluzione digitale in atto nella Pubblica amministrazione che ambirebbe, evidentemente solo a parole, ad una sanità moderna, efficace, tecnologicamente avanzata e soprattutto digitalizzata, in linea con gli obiettivi del PNRR. In verità questo provvedimento mortifica lo sviluppo digitale, visto che la tessera sanitaria senza il microchip comporta il blocco ai servizi online. In questo modo, si lede il diritto di ogni persona di accedere, anche con l’uso delle tecnologie digitali, al servizio sanitario nazionale, comunque organizzato e articolato sul territorio e si mortifica, altresì, il lavoro dei professionisti della sanità che, tutti i giorni, si adoperano per la salute dei cittadini”.

“Senza il microchip – concludono MC e Assoutenti – i cittadini non possono più accedere ad una serie di servizi pubblici online, come le visite specialistiche o l’ingresso sulle piattaforme della Pa con la firma digitale, e si rende ancora più difficile recuperare sulla prevenzione e sulle cure già provate dalla pandemia”.