Libero mail, libero plus e Virgilio down: Assoutenti si attiva per tutelare gli interessi dei cittadini danneggiati

16000
libero-mail

COMUNICATO STAMPA
27 gennaio 2023

 

Libero libero plus e Virgilio down: Assoutenti si attiva per tutelare gli interessi dei cittadini danneggiati

 

Proseguono malfunzionamenti, associazione costituisce comitato per avviare le richieste di risarcimento e promuove una class action contro Italia Online

 

Dopo il grave disservizio che ha colpito la posta elettronica di Libero, libero plus e Virgilio scende in campo Assoutenti che annuncia oggi la costituzione del Comitato utenti vittime libero-libero plus-virgilio” a cui potranno aderire tutti i cittadini vessati dai disagi e partecipare alle richieste di risarcimento dei danni patiti.
Assoutenti inoltre attiverà quanto prima una class action contro Italia Online.
“Ancora oggi proseguono le segnalazioni di malfunzionamenti sui due servizi di posta elettronica, un problema che va avanti da domenica e che sta creando danni evidenti ai cittadini – spiega il vicepresidente Gabriele Melluso – Per tale motivo abbiamo deciso di costituire il “Comitato utenti vittime Libero, libero plus – Virgilio” allo scopo di tutelare gli interessi dei 9 milioni di italiani coinvolti nel disservizio e avviare la richiesta di un tavolo di conciliazione e le iniziative legali del caso”.
“Nello specifico vogliamo avviare un tavolo negoziale per concordare i risarcimenti in caso contrario siamo pronti a intentare una vera e propria class action contro Italia Online, società che gestisce i servizi di Libero, libero plus e Virgilio, volta a far ottenere un equo risarcimento a tutti quegli utenti che, tra domenica e fino a quando non cesserà il disservizio, non sono riusciti ad accedere a mail personali o di lavoro, gestire appuntamenti o richieste e leggere comunicazioni importanti, per l’evidente danno morale e materiale subito” – aggiunge Melluso.

A partire da oggi tutti i cittadini interessanti possono partecipare al Comitato e far valere i propri diritti, compilando il form qui sotto o inviando una mail all’indirizzo [email protected]