TROPPI INCIDENTI FERROVIARI SUI BINARI ITALIANI

0
154

La storia italiana degli ultimi vent’anni è caratterizzata da un incredibile susseguirsi di incidenti ferroviari.

All’interno della manifestazione Expo Consumatori 4.0, promossa da Assoutenti, uno dei temi sui quali si è dibattuto è stato proprio quello riguardante le infrastrutture per la mobilità ed è stato presentato un report che dettaglia gli incidenti ferroviari in Italia registrati in questi ultimi anni.

Il rapporto di Expo Consumatori 4.0 sugli incidenti ferroviari in Italia

Il rapporto sugli incidenti di treni nel nostro paese prende in considerazione i disastri ferroviari in Italia degli ultimi dieci anni, a partire da quello di Viareggio del 2009 che ha visto l’esplosione di una cisterna di GPL, fino al più recente incidente ferroviario di Livraga del febbraio 2020. Il report è disponibile per il download.

Disastri ferroviari in Italia: la richiesta di Assoutenti

Nel rapporto vengono menzionati solo gli incidenti ferroviari mortali, che hanno causato cioè una o più vittime. Ma gli incidenti dei treni sono un fenomeno nazionale che richiede l’attenzione delle istituzioni e delle associazioni degli utenti.

Quanto accade ha un legame stretto con le scelte di gestione di due comparti, infrastrutture e trasporti, che paradossalmente non sono stati toccati dalla crisi degli anni scorsi: settori in buona salute, che fanno profitto, e che sono sottoposti a una complessa filiera di controlli pubblici.

La relazione della Corte dei Conti sulla gestione amministrativa dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza delle ferrovie (ANSF) conferma i dubbi sollevati più volte dai consumatori circa l’attività di manutenzione che viene svolta sulla rete ferroviaria italiana.

La manutenzione della rete ferroviaria italiana e delle infrastrutture ha bisogno di trasparenza

“Gli utenti, sul delicato tema della manutenzione richiamato oggi anche dalla Corte dei Conti, vogliono vederci chiaro: per questo chiediamo che all’interno dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza delle ferrovie sia nominato un delegato alla sicurezza, individuato dalle associazioni dei consumatori, che abbia accesso a tutti gli atti relativi alla manutenzione ferroviaria, incrementando così la trasparenza in favore dei fruitori finali del servizio” – Furio Truzzi

COMUNICATO STAMPA

Economia

18 gennaio 2021

FERROVIE: C.CONTI, NUMEROSI INCIDENTI PER POCA MANUTENZIONE

ASSOUTENTI: ANCORA TROPPI INCIDENTI SUI BINARI ITALIANI. IN 11 ANNI 79 MORTI E 241 FERITI, SU MANUTENZIONE UTENTI VOGLIONO VEDERCI CHIARO

SERVE DELEGATO ALLA SICUREZZA CHE PER CONTO DEI CONSUMATORI ABBIA ACCESSO A TUTTI GLI ATTI SU MANUTENZIONE RETE

La relazione della Corte dei Conti sulla gestione amministrativa dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza delle ferrovie (ANSF) conferma i dubbi sollevati più volte dai consumatori circa l’attività di manutenzione che viene svolta sulla rete ferroviaria italiana.

Lo afferma ASSOUTENTI, associazione dei consumatori specializzata nel settore dei trasporti, che torna a puntare il dito contro i troppi incidenti ferroviari che si registrano nel nostro paese.

“Sui binari italiani si registra un numero eccessivo di sinistri, in larga parte addebitabili proprio alla scarsa manutenzione sulla rete – spiega il Presidente Furio Truzzi – Tra il 2009 e il 2020 ben otto incidenti gravi hanno causato 79 vittime e 241 feriti, a dimostrazione di come la sicurezza ferroviaria sia un problema ancora aperto e irrisolto”.

“Gli utenti, sul delicato tema della manutenzione richiamato oggi anche dalla Corte dei Conti, vogliono vederci chiaro: per questo chiediamo che all’interno dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza delle ferrovie sia nominato un delegato alla sicurezza, individuato dalle associazioni dei consumatori, che abbia accesso a tutti gli atti relativi alla manutenzione ferroviaria, incrementando così la trasparenza in favore dei fruitori finali del servizio” – conclude Truzzi