Titoli di laurea all’estero: il caso della Facoltà Pentacostale

0
1006

L’Antitrust accetta gli impegni presentati dalla Fondazione Chàrisma

 

Il 23 febbraio 2011 l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha esaminato i contenuti del sito internet della Fondazione Chàrisma, che ha come scopo la promozione della formazione cristiana e della conoscenza delle scritture bibliche e che opera anche attraverso la Facoltà Pentecostale di Scienze religiose.

Sul sito infatti si pubblicizzava una “Laurea in teologia – Laurea in Studi Religiosi” con “titoli convalidati e rilasciati dalla University of Wales … L’accordo prevede la convalida e il rilascio della laurea triennale, di quella specialistica e del certificato in ministero cristiano”. Tale accreditamento “lo rende a tutti gli effetti un titolo riconosciuto ai sensi delle normative europee sul riconoscimento dei titoli di studio rilasciati nei paesi dell’UnioneLa laurea in Teologia è spendibile soprattutto all’interno del mondo ecclesiale e qualifica anche per eventuali incarichi direttivi; in quanto titolo accademico può essere presentata in tutti quei concorsi ove si richiede il titolo generico di laureati. La laurea in Studi Religiosi è spendibile anche nel campo della mediazione e della consulenza socio-culturale”.

L’Antitrust ha contestato l’assenza di chiare indicazioni sul valore legale della “laurea in scienze religiose” e sulla sua spendibilità in concorsi pubblici.

In seguito all’apertura del procedimento, la Fondazione ha presentato impegni volti a non utilizzare più “alcun riferimento generico a lauree in teologia o studi religiosi né alla loro spendibilità in Italia, ma qualificando i percorsi formativi offerti quali corsi di studio triennali”. E la nuova versione del sito così recita: “Corso triennale in Teologia e Studi religiosi (Degrees of Bachelor of Arts)corso specialistico in teologia”, specificando altresì che “in Italia gli studi di teologia non hanno alcuna forma di incardinamento nelle Università … Le facoltà di teologia sono considerate istituzioni private confessionali rivolte alla preparazione dei quadri dirigenti delle chiese e operano sulla base della libertà religiosa”.

In conclusione, l’Agcm ha valutato tali impegni idonei ad eliminare le ambiguità presenti nel vecchio sito, anche in relazione alla platea dei soggetti interessati a questo tipo di formazione e li ha pertanto resi obbligatori, senza irrogare sanzioni 1.

 

Se vuoi approfondire il fenomeno delle pubblicità ingannevoli su titoli di studio universitari, in Italia o all’estero leggi la scheda sull'argomento e il controspot realizzato da Assoutenti.

14 marzo 2011



1 Vedi il procedimento PS4667 – provvedimento 22145 del 2011, pubblicato sul Bollettino  n. 8 del 2011 dell’Agcm.