Prodotti pericolosi per la salute: il caso della società DAF sport

0
561

L’Antitrust ha sanzionato la società per non aver fornito tutte le avvertenze necessarie sulla tossicità dei prodotti commercializzati

Il 16 giugno 2010 l’Antitrust ha esaminato i messaggi pubblicitari contenuti nei cataloghi della DAF sport, società che commercializza pavimentazioni, protezioni murali e paraspigoli antitrauma destinati ad asili nido, scuole e palestre 1.

Nel catalogo 2008, in particolare, si affermava tra l’altro che il materiale utilizzato era “completamente privo di sostanze tossiche”. Nel catalogo 2009 tale messaggio è stato modificato, precisando che “Il prodotto è tossico se ingerito. In caso di incendio i fumi che possono svilupparsi possono essere fortemente irritanti per le vie respiratorie”).

Nel corso del procedimento (attivato a seguito della segnalazione di una ditta concorrente), è emersa con chiarezza la natura tossica del materiale impiegato che, in particolari condizioni, può dar luogo a una “migrazione di metalli pesanti al di sopra dei limiti consentiti”.

L’Agcm ha pertanto ritenuto che i messaggi contenuti nei due cataloghi omettessero di fornire all’acquirente le informazioni necessarie sui possibili rischi per la salute derivanti dall’utilizzo di tali prodotti, così come prescritto dal codice del consumo (art. 6) e ha applicato una sanzione di 50.000 euro.

 

Per un approfondimento degli interventi dell’Antitrust sui prodotti che possono essere pericolosi per la salute, leggi la scheda contenuta nella rubrica “La pubblicità sotto la lente dell’Assoutenti” (clicca qui ).

6 luglio 2010



1 Vedi il procedimento PB552, provvedimento 21247, pubblicato sul Bollettino dell’Agcm n. 24/2010.