Povertà in Italia: Dati Preoccupanti, Assoutenti Chiede Misure Urgenti dal Governo

170
povertà

COMUNICATO STAMPA

7 maggio 2024

 

Povertà, Assoutenti: dati ancora drammatici e indegni di un paese civile

 

Governo adotti subito misure per calmierare prezzi al dettaglio, cresce quota di famiglie in condizione di grave deprivazione materiale e sociale

 

I dati sulle famiglie a rischio povertà, seppur in calo, appaiono ancora drammatici e sono indegni di un Paese che si definisce civile. Lo afferma Assoutenti, commentando il report dell’Istat secondo cui nel 2023 il 22,8% della popolazione è a rischio di povertà o esclusione sociale.

“I numeri dell’Istat dimostrano come la povertà sia a tutti gli effetti una emergenza nazionale, con la condizione economica delle famiglie aggravata dalla sensibile crescita dei prezzi al dettaglio registrata negli ultimi due anni – spiega il presidente Gabriele Melluso – La percentuale di soggetti in povertà diminuisce solo per effetto delle misure di sostegno alle famiglie, quali assegni per i figli e bonus vari, mentre aumenta la quota di popolazione in condizione di grave deprivazione materiale e sociale, che sale al 4,7% rispetto al 4,5%, con una incidenza maggiore nel sud e nelle isole”.

“A fronte di tali numeri, il governo deve attuare subito misure strutturali in grado di sostenere l’intera platea delle famiglie e non solo i percettori di assegni e bonus “spot”, a partire da interventi per calmierare i listini al dettaglio e tutelare il potere d’acquisto dei cittadini. Strumenti come l’esdebitazione del consumatore e della famiglia previsti dal Dlgs 14/2019 sono poco conosciuti e con molti vincoli all’accesso, sarebbe necessario “liberare” definitivamente questa tutela” – conclude Melluso.

🔵Segui la nostra pagina Facebook 

✅ Se vuoi contattare Assoutenti per un reclamo clicca qui