Una velocità di navigazione in internet inferiore a quella indicata nella pubblicità: il caso Fastweb

0
624

Il Tar conferma il giudizio negativo dell’Antitrust sulla pubblicità di Fastweb

 

 Assoutenti aveva dato notizia in passato delle sanzioni decise dall’Antitrust nel 2010 per la pubblicità di velocità delle chiavette internet della Telecom  (clicca qui  ). Una recente sentenza del Tar sulla pubblicità di un altro operatore costituisce l’occasione per tornare su questo tema. 

Nel 2009 l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha condannato la Fastweb con una sanzione di 60.000 euro per i messaggi pubblicitari riguardanti l’utilizzo della rete internet, incentrati sulla velocità della navigazione (“una connessione fino a 10Mbit/s, sia in ricezione che in trasmissione, per chi è raggiunto dalla Fibra Ottica e una velocità fino a 20Mbit/s in ricezione e fino a 1Mbit/s in trasmissione per connessioni in Adsl Fastweb”).

 
 
Una recente sentenza del Tar del Lazio ha respinto il ricorso della società, condannandola anche al pagamento delle spese 2.
Il Tar ha condiviso le argomentazioni dell’Antitrust, mettendo in particolare rilievo la scarsa chiarezza, nel testo della pubblicità, della distinzione fra “velocità di connessione” e “velocità di navigazione”: il consumatore non è posto nella condizione di comprendere, in modo immediato, il reale contenuto dell’offerta medesima sulle caratteristiche delle prestazioni effettivamente fruibili tramite il servizio di Fastweb. Non è sufficiente che tali elementi siano fornite da altre fonti: secondo il Tar è importante garantire il maggior livello di chiarezza e trasparenza possibile e se le informazioni necessarie sono “frammentate” o reperibili in modo non semplice (come nel caso in esame) si finisce per aumentare le difficoltà del consumatore medio, soprattutto in un settore già caratterizzato da notevole complessità come quello informatico.
 
Si segnala che l’Autorità garante delle comunicazioni ha messo a disposizione un software che consente di verificare la velocità effettiva di navigazione. Se vuoi saperne di più vedi la scheda Assoutenti.
 

3 febbraio 2011

 



1 Vedi il provvedimento n. 20462 del 2009 (PS1401).
2 Cfr. la sentenza n. 894 del 2011.