Teleselling Fastweb: controspot “Al telefono dimmi di Si”

758
teleselling fastweb

Teleselling Fastweb

L’azienda è stata multata per pubblicità ingannevole.

In questo controspot, i protagonisti sono degli operatori di call center Fastweb.

Il tema è dedicato al cambio operatore telefonico che può avvenire in alcuni casi in modo scorretto e ingannevole. Attenzione!

Ti potrebbe interessare un controspot dedicato agli annunci di lavoro e alle false promesse

Cosa è una pubblicità ingannevole o pratica commerciale scorretta?

Per “pratica commerciale” si intende qualsiasi azione, omissione, condotta, dichiarazione o comunicazione commerciale, ivi compresa la pubblicità diffusa con ogni mezzo (incluso il direct marketing e la confezione dei prodotti) e il marketing, che un professionista  pone in essere in relazione alla promozione, alla vendita o alla fornitura di beni o servizi ai consumatori. La pratica commerciale è scorretta quando, in contrasto con il principio della diligenza professionale, falsa o è idonea a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio che raggiunge o al quale è diretta! 👉Scopri di più

Cosa si intende per teleselling

Il teleselling è un’attività completamente diversa rispetto al telemarketing, anche se, spesso, si tende a utilizzare questi due termini in maniera identica, sfruttandoli come sinonimo. Di seguito vediamo in cosa consiste la prima delle due attività.

Il teleselling è un’attività di vendita per via telefonica: questa è la definizione più corretta che si può attribuire al vocabolo; nella maggior parte dei casi, viene svolta da call center, che, tramite operatori telefonici, contattano i potenziali clienti, siano essi privati o aziende, per proporre prodotti o servizi con l’obiettivo di venderli.