Telemarketing e bollette: Antitrust sanziona Sinergy, Domestika, Tua connect

0
171

COMUNICATO STAMPA

21 dicembre 2022

 

 

Bollette: Antitrust accoglie esposto Assoutenti e sanziona società Sinergy, Domestika, Tua connect con complessivi 3,5 milioni di euro di multa

 

Attraverso telemarketing aggressivo attivavano contratti fingendosi associazioni dei consumatori o enti pubblici o ricorrendo a minacce. Pratiche scorrette anche a danno di anziani e disabili

Sinergy Luce e Gas, Domestika Energia, Tua connect your life, società attive nella promozione e vendita di offerte commerciali relative a forniture di energia elettrica e gas naturale sul mercato libero, anche abbinate a servizi di connessione ad internet e di comunicazione mobile, sono state sanzionate dall’Antitrust per pratiche commerciali scorrette con complessivi 3,5 milioni di euro di multa. Lo rende noto Assoutenti, società che aveva presentato un dettagliato esposto all’Autorità segnalando tecniche aggressive di aggancio telefonico della clientela mediante call center.

In particolare, secondo quanto emerso nel corso dell’istruttoria, gli incaricati delle tre società avrebbero contattato telefonicamente gli utenti spacciandosi per  il  gestore  attuale  del  consumatore  –  prospettando  come  mero  cambio  tariffario,  asseritamente  più  conveniente  di  quello  vigente, l’effettiva   nuova   sottoscrizione   di   un   contratto   con   un   diverso   fornitore  –  oppure  si  qualificavano come  gestore  diverso  di  maggior  notorietà,  o  come  distributore  di  zona  oppure  come associazione  a  tutela  degli  utenti  o  addirittura  come  ente  pubblico: sotto    tali    mentite    spoglie,    spingendo i   consumatori    alla    sottoscrizione  di  un  contratto  millantando  ampi  risparmi  di  spesa  rispetto  a  quelli  già  sostenuti  –  puntualmente smentiti all’arrivo della successiva fattura – oltre ad altre informazioni inveritiere – si legge nel provvedimento dell’Antiturst.

In   alcuni   casi   gli   agenti, addirittura, rappresentavano falsamente il fallimento   o   la   attuale   non   operatività   del   gestore,   in   atto,   del   consumatore.  Di fronte   alla   titubanza   dei   contattati   al   telefono   circa   la   nuova   proposta,  gli  addetti  alle  vendite  richiamavano  con  insistenza  oppure, in   alcuni   casi,   adottavano   toni   intimidatori  arrivando a minacciare    slacci/sospensioni    della    fornitura    in    atto    oppure diminuzioni di potenza. E’ emerso poi che le  attivazioni non richieste hanno coinvolto anche presunti sottoscrittori in realtà in precarie condizioni di salute/equilibrio psichico, quando non soggetti ad  amministrazione di sostegno.

“Una  strategia  commerciale  condivisa  da  tutte  e  tre  le  società   articolata  in  una  pluralità  di  condotte  di  varia  portata  offensiva  tese  all’attivazione   di   contratti   non   richiesti   o   di   contratti   ingannevolmente rappresentati  nonché  nella  gestione  inadeguata  dei  rapporti  contrattuali  dei consumatori – scrive l’Antitrust nel suo provvedimento – L’istruttoria  ha  condotto  ad  appurare  il  massiccio  utilizzo  di  tecniche  variamente aggressive  per  l’aggancio  della  clientela  al  fine  di  concludere  contratti a distanza per l’erogazione delle forniture energetiche; tali tecniche – consistenti  nei  reiterati  tentativi  di    contatto,  nell’adozione  di  modalità  verbalmente insistenti  ed   aggressive  di  convincimento,  nella  prospettazione, falsa  o  ambigua,  dell’identità  del  proponente,  dello   scopo  della  chiamata,  delle  caratteristiche,  soprattutto  economiche,  della  fornitura  e  dei  diritti  del  contraente –  sono  risultate  diffusamente  utilizzate  per  il  procacciamento  dei  clienti  nell’ambito  dell’intero  territorio  nazionale,  ad  opera  di  una  rete  evidentemente capillare di incaricati ed agenzie”.

“L’Antitrust, accogliendo l’esposto presentato da Assoutenti, ha quindi riconosciuto i comportamenti messi in atto dalle tre società come pratiche commerciali scorrette, irrorando nei confronti di Sinergy Luce e Gas, Domestika Energia, Tua connect your life multe per complessivi 3,5 milioni di euro – afferma il vicepresidente, Gabriele Melluso – Una importante vittoria per i consumatori e per Assoutenti che, prima con l’avvio delle azioni inibitorie sulle modifiche unilaterali dei contratti, poi con le denunce contro le società scorrette, è riuscita a far sanzionare pratiche aggressive al limite della tollerabilità e civiltà”.