Superbonus 110% e cessione del credito: la proposta di Intesa San Paolo

0
2709

Finanziare per intero le spese di ristrutturazione di casa: questa l’opportunità che si è aperta con il cosiddetto superbonus al 110% e che tanti cittadini sono tentati di cogliere. Il meccanismo tuttavia è complesso ed è indispensabile informarsi con grande attenzione prima di affrontarlo: non solo è necessario distinguere tra quali interventi danno diritto alla detrazione e quali no, ma occorre conoscere e comprendere il funzionamento di nuovi strumenti come quello della cessione del credito, che vede coinvolti anche gli istituti bancari.

La cessione del credito: i prodotti degli istituti bancari

Per fornire un contributo di chiarezza alla tante persone che si rivolgono ad Assoutenti su questo argomento, abbiamo deciso di dare uno spazio alle diverse banche che già hanno messo in campo prodotti mirati per la cessione del credito. Iniziamo oggi con Banca Intesa San Paolo, intervistando la Dott.ssa Anna Maria Roscio, Responsabile della Direzione Sales e Marketing Imprese.

Dott.ssa Roscio può illustrarci sinteticamente le caratteristiche principali dell’offerta ISP sul Superbonus?
L’offerta di Intesa Sanpaolo è flessibile e modulare, potendosi adattare alle diverse esigenze dei clienti; in particolare è costituita da tre elementi:
– la cessione del credito d’imposta
– l’eventuale finanziamento ponte per l’avvio e la gestione dei cantieri oggetto di cessione del credito d’imposta
– il servizio facoltativo e gratuito di Deloitte che segue il cliente nel progetto potendo in tal modo ottenere il visto di conformità e la gestione del cassetto fiscale.

L’offerta presenta i seguenti vantaggi per i clienti:
– La certezza dell’impegno e del prezzo di acquisto= viene definito da parte di Intesa Sanpaolo un impegno ad acquistare i crediti d’imposta eleggibili per la detrazione e da parte del cliente a cedere il credito d’imposta; in questo modo il cliente ha la certezza di avere una controparte finanziaria all’operazione. Il prezzo è prestabilito e tenuto fermo per tutta la durata effettiva dei lavori, valido per il 2020 e 2021.
sconto in fattura per tutti i bonus= l’offerta è valida per tutte le tipologie di bonus del settore edile, dal Superbonus, all’Ecobonus/Sismabonus, al bonus facciate
tempi= è previsto un tempo definito di liquidazione del credito d’imposta; entro 5 giorni lavorativi dal momento in cui il credito è presente nel cassetto fiscale di Intesa Sanpaolo ed è stato accettato viene riconosciuto sul conto del cliente il corrispettivo della cessione
processo= il processo fa leva sul Servizio di Deloitte; tale servizio rappresenta per le aziende la possibilità di sentirsi tranquilli che il credito d’imposta verrà acquisito a fine lavori, avendo altresì un supporto che li segue passo – passo, ottenendo così il visto di conformità e il supporto per la gestione del cassetto fiscale (dal committente all’azienda e da quest’ultima alla banca). Il tutto senza alcun costo per il cliente

Quali sono i costi per il cliente?
Per quanto riguarda il prezzo di acquisto del credito d’imposta, riepiloghiamo di seguito i termini precisando che sono funzione inevitabilmente della durata della detrazione:
– Superbonus= per ogni 110€ di credito fiscale ceduto dall’impresa, Intesa Sanpaolo si impegna a riconoscere al cliente 100€ (il 90,91% del credito fiscale ceduto) se il cedente è una impresa. Ad es. in caso di costo dei lavori di 100.000€ e credito ceduto di 110.000€, il valore riconosciuto all’impresa sarà pari a 100.000€, in linea con lo sconto in fattura praticato al cliente e con quanto l’impresa avrebbe incassato dal cliente. Se il cedente è un privato o un condominio, Intesa Sanpaolo si impegna ad acquistare al prezzo di 102 per ogni 110 euro di credito fiscale
– Altri bonus con detrazione in 5 anni= per ogni 100€ di credito fiscale ceduto, Intesa Sanpaolo si impegna a riconoscere al cliente 91€ (il 90,91% del credito fiscale ceduto), cioè con la stessa logica relativa al Superbonus
Altri bonus con detrazione in 10 anni= per ogni 100€ di credito fiscale ceduto, Intesa Sanpaolo si impegna a riconoscere al cliente 91€ (il 90,91% del credito fiscale ceduto), cioè con la stessa logica relativa al Superbonus

Per quanto tempo resterà aperta l’offerta di ISP relativa al superbonus? Ci sono scadenze?
L’offerta è valida per tutta la durata delle normative di riferimento delle diverse tipologie di detrazione ed è altresì collegata alla capacità fiscale annua di Intesa Sanpaolo di utilizzare in detrazione delle proprie imposte il credito d’imposta acquistato dai clienti.
Come detto il prezzo di acquisto della cessione è già stato definito per tutte le cessioni effettuate nel 2020 e 2021.

L’offerta è accessibile recandosi in qualsiasi filiale ISP sul territorio nazionale?
L’offerta è disponibile in tutte le filiali della banca, che sono a disposizione dei clienti per illustrarne le caratteristiche e le modalità di accesso.

Le filiali offriranno anche informazioni generali sul meccanismo (delicato e complesso) del superbonus?
Le filiali sono a disposizione per illustrare come detto l’offerta bancaria e le modalità previste per la richiesta, la sottoscrizione e la gestione delle soluzioni (cessione del credito d’imposta ed eventuale finanziamento ponte). Illustrano le modalità di accesso (peraltro molto semplici) al servizio dedicato di Deloitte.
Per quanto riguarda approfondimenti o chiarimenti sul complesso contesto normativo, le regole per capire se un intervento sia ammissibile o meno, per la gestione del cassetto fiscale, i clienti di Intesa Sanpaolo che sono interessati a cedere il loro credito d’imposta possono contare sul servizio gratuito di Deloitte.

L’offerta è aperta solo ai vostri correntisti?
L’offerta è disponibile per tutti i clienti correntisti o meno.

Avete già attivato molte pratiche o comunque ricevuto molte richieste di informazione? Qual è stata ad ora la risposta delle persone?
Ad oggi sono già più di 1.000 le richieste pervenute da aziende e da privati con relativo coinvolgimento del servizio di Deloitte.

 

VUOI SAPERNE DI PIU’ SUL SUPERBONUS 110%?
SCRIVICI A nessunoescluso@assoutenti.it