Risparmiare sulla polizza auto? I suggerimenti dell’ISVAP

671

L’iniziativa fa seguito ad un incontro tra l’Autorità di vigilanza e le principali associazioni dei consumatori per fare il punto sul caro-polizze

Il costo delle polizze auto si fa sempre più insostenibile per i consumatori, come confermato dai recenti dati ISVAP sull’andamento delle tariffe r.c. auto relativamente ad 11 profili di assicurati.

Tra l’aprile 2011 e l’aprile 2012 le tariffe medie sono cresciute, infatti, per tutte le tipologie di assicurati, a tassi superiori a quello di inflazione (3,2%), in particolar modo al SUD. Per alcuni profili di assicurati, in particolare, si registrano tassi di incremento pari al doppio ed al triplo del tasso di inflazione.

Per aiutare i consumatori a risparmiare nella scelta della polizza auto senza rinunciare alla protezione in caso di sinistro, l’ISVAP indica cinque suggerimenti chiave che consentono di sfruttare le possibilità offerte sia dal quadro normativo vigente che dagli strumenti informatici 1.

 In particolare, l’Autorità suggerisce:

·       organizzarsi con anticipo rispetto alla data di scadenza della polizza, in modo da poter valutare tutte le offerte presenti sul mercato. Almeno 30 giorni prima della scadenza della polizza le imprese devono comunicare all’assicurato “l’attestato di rischio”, che ne testimonia la storia assicurativa ed è essenziale per assicurarsi presso un’altra impresa. Sui siti dell’ISVAP e del Ministero dello sviluppo economico è a disposizione dei consumatori un servizio pubblico di comparazione delle tariffe dell’intero mercato (“Tuopreventivatore”). Inoltre, i preventivi possono essere ottenuti direttamente dai siti delle singole imprese che esercitano il ramo r.c. auto 2, hanno validità di 60 giorni e sono vincolanti per le imprese che li propongono;

·       possibilità di recesso: se si individua un’offerta più conveniente ed il contratto già sottoscritto prevede un rinnovo tacito, è comunque possibile recedere dal contratto inviando una comunicazione di disdetta 15 giorni prima della scadenza. La disdetta è possibile fino al giorno di scadenza nel caso in cui l’impresa abbia comunicato un aumento della tariffa superiore al tasso di inflazione;

·       classe di merito più favorevole: verificare se si abbia diritto all’applicazione delle disposizioni della legge n. 40 del 2007 (c.d. legge Bersani) che consentono, in caso di acquisto di un veicolo, di stipulare una nuova polizza usufruendo della classe di merito più favorevole applicata ad un veicolo già di proprietà dell’assicurato o di un componente del nucleo familiare;

·       evitare l’applicazione del “malus”:  a seguito di  sinistri nei quali si è ritenuti responsabili scatta un incremento del premio assicurativo: occorre valutare la convenienza di rimborsare il costo del sinistro direttamente all’impresa assicuratrice, ovvero alla CONSAP, per i sinistri non rimborsabili direttamente;

·       polizze personalizzate: tali offerte possono risultare vantaggiose in presenza di particolari condizioni (conducente esclusivo, polizza a guida esperta, fissazione di franchigie, clausola di risarcimento in forma specifica).   

In ogni caso è necessario, prima di affidarsi ad una compagnia di assicurazione, consultare il sito www.isvap.it  per verificare se l’impresa è inserita nell’elenco dei soggetti autorizzati ad esercitare in Italia l’attività di assicurazione per il ramo r.c. auto, al fine di evitare la sottoscrizione di una polizza falsa o contraffatta, che non garantirebbe alcuna copertura assicurativa ( leggi questa scheda ).

16 ottobre 2012 



1 Cfr. ISVAP, Comunicato stampa del 24 settembre 2012.
2 Gli elenchi delle imprese autorizzate sia nazionali che estere sono disponibili sul sito ISVAP.