NUOVO SISTEMA DI COMMISSIONI SU PRELIEVI DA SPORTELLI AUTOMATICI

0
92

A cura di ADUSBEF

Ad ottobre l’Antitrust dovrebbe pronunciarsi sulla richiesta che la società Bancomat
Spa.ha inoltrato circa la revisione radicale delle commissioni percepite a carico
dell’utilizzatore della carta presso Atm gestiti da altra banca.
Oggi, la commissione viene incassata dallo stesso istituto presso cui è radicato il
conto ed emittente la carta Bancomat. In media il livello di commissioni pagate per
l’utilizzo di sportelli di altre banche è di circa 1,8 euro. La banca emittente quindi
addebita il suo correntista dell’importo definito dal contratto, e gira una quota (50
centesimi di euro) alla banca che gestisce lo sportello automatico utilizzato. Con

questa struttura, il grosso della commissione resta presso la banca emittente il
Bancomat ed una piccola parte alla banca che gestisce lo sportello. E’ evidente che
stando così le cose, le piccole banche dotate di pochi sportelli Bancomat, o
addirittura di un solo sportello automatico, lucrano sui propri clienti perché costoro
per avere contante devono troppo spesso rivolgersi ad ATM di altre banche. A
rimetterci, quindi, sono proprio i clienti di quelle piccole banche a cui verrà
addebitata la commissione di prelievo presso altri istituti. Al contrario, i clienti di
grandi banche, dotate di centinaia di Bancomat distribuiti su tutto il territorio
nazionale, risulteranno avvantaggiati dal fatto che, in genere, le banche non
addebitano commissioni se il prelievo è effettuato da propri clienti su propri
sportelli.
Poiché le banche considerano non sufficientemente remunerativi i 50 centesimi
riconosciuti dalla banca emittente il Bancomat, stanno procedendo alla chiusura di
molti ATM. Banca d’Italia informa che gli ATM attivi nel 2021 erano 45.500, contro i
47.700 del 2018 e i 50.500 del 2015. Questa riduzione è in atto nonostante la grande
diffusione del Bancomat, specie in Italia. I dati di Bankitalia (Appendici alle Relazioni
annuali del Governatore anno 2022 e 2016) ci dicono che nel 2021 erano in
circolazione 60,940 milioni di carte Bancomat, di cui 60,904 milioni abilitate per i
pagamenti ai POS. Erano 51,256 milioni nel 2015, di cui 50,317 abilitate POS.
La proposta di Bancomat Spa vorrebbe ribaltare la filosofia delle commissioni
applicate. La società infatti chiede che a percepire quelle commissioni non sia più la
banca emittente la carta Bancomat, ma sia la banca che gestisce lo sportello
automatico utilizzato da non clienti. Se venisse accolta, con questa proposta le
piccole banche con pochi ATM non lucreranno più sui loro clienti, obbligati a
prelevare contante frequentemente presso bancomat di altre banche.
Rispetto al sistema attuale, se fosse possibile imporre un livello massimo di
commissioni (attorno ad un euro?), i correntisti avrebbero dei vantaggi non
indifferenti rispetto al livello odierno medio di 1,8 euro; le banche non avrebbero
più convenienza a chiudere gli ATM, perché il servizio risulterebbe adeguatamente
remunerato, anzi sarebbero invogliate ad investire introducendo ATM multi
funzione (in grado di offrire altri servizi bancari oltre la fornitura di contante) specie
in quei comuni dove non esiste (o non esiste più) una filiale bancaria; soprattutto
verrebbe soddisfatta la logica economica che vuole che il pagamento remuneri chi
offre un servizio (in questo caso l’ ATM) e spende per gestione e manutenzione, e

non chi fornisce la carta Bancomat, la cui remunerazione è percepita dalla banca
emittente attraverso commissioni imposte annualmente al correntista titolare.
Certamente Antitrust dovrà valutare le conseguenze in termini concorrenziali della
proposta di Bancomat Spa. Se cioè ci sia il pericolo di abuso di posizione dominante
da parte delle grandi banche rispetto alle piccole e piccolissime. Ma se guardiamo le
cose dal punto di vista dell’utilizzatore finale (il correntista) il fatto che di 1,8 euro di
commissioni addebitate ben 1,3 euro restino in tasca alla propria banca solo per
aver emesso la carta Bancomat, risulta difficilmente giustificabile.
E’ chiaro che i costi imposti dalla banca titolare dello sportello bancomat devono
essere conosciuti dal cittadino che intende utilizzare quello sportello automatico
prima che effettui l’operazione. In altri termini, sul video dell’ATM deve subito
comparire il costo dell’operazione di prelievo, prima che si inizi la procedura di
prelievo.
Restiamo in attesa delle valutazioni di Antitrust.

SITI CONSULTATI

www.agcm.it
www.open.online.it
www.bancomat.it
www. facile.it

Quifinanza HP

Sono stati consultati anche i siti delle maggiori banche italiane.
Immagine: pixabay.com (Guiliano Rangel Alves)

“Progetto realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Lazio, c.d. MISE 9” con
l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico ai sensi del DM 10.08.2020