L’offerta di nuovi canali Mediaset premium “Cinema Energy” e Cinema emotion”

0
422

L’Antitrust ha sanzionato la società RTI per pratica commerciale scorretta

 

Il 5 agosto 2010 l’Antitrust ha esaminato numerose segnalazioni di clienti Mediaset premium e di alcune associazioni dei consumatori che contestavano le modalità con cui la società RTI (Reti televisive italiane spa) ha presentato l’offerta di due nuovi canali televisivi (“Cinema Energy” e Cinema emotion”), con aumenti del costo dell’abbonamento da 2 a 4 euro al mese.

Tra novembre 2009 e gennaio 2010 i clienti Mediaset premium hanno ricevuto una lettera con la quale si informava dell’esistenza di due nuovi canali televisivi a pagamento che avrebbero integrato il pacchetto-base; nella lettera non si metteva in evidenza l’aumento conseguente del servizio né la necessità per l’utente, in caso di mancata adesione, di dover recedere dal contratto (o di mantenere l’originale impostazione) entro il termine tassativo di 30 giorni. Tali indicazioni erano contenute solo all’interno di un volantino allegato alla lettera.

L’Agcm ha contestato alla RTI la scarsa chiarezza con cui è stata presentata ai vecchi clienti la modifica delle caratteristiche del servizio e dei relativi costi; la comunicazione poteva essere facilmente confusa con un semplice volantino pubblicitario e ciò non ha permesso a molti utenti interessati di assumere una decisione pienamente consapevole sull’accettazione o meno della nuova offerta. L’Agcm ha criticato anche l’invio della lettera tramite posta ordinaria, che non ha consentito neppure di valutare con esattezza la scadenza del termine di 30 giorni previsto nella comunicazione per l’adesione o meno all’offerta.

Per queste ragioni l’Autority, dopo aver giudicato inadeguati gli impegni presentati dalla RTI per rimuovere gli elementi di ingannevolezza della comunicazione, ha applicato per la RTI una sanzione di 115.000 euro, aumentata a 130.000 euro per precedenti violazioni del codice del consumo da parte della stessa società 1.

6 settembre 2010



1 Vedi il procedimento PS5411, provvedimento n. 21471, pubblicato sul Bollettino dell’Agcm n. 32/2010.