ISVAP – Tasso di interesse nei contratti relativi ai rami vita

0
1044

Stabiliti i tassi massimi di interesse da applicare ai contratti dei rami vita che prevedono una garanzia di tasso di interesse

 

In forza del Regolamento ISVAP n. 21/08, il tasso massimo di interesse garantibile (TMG) è calcolato, distintamente per diverse tipologie contrattuali, in funzione del tasso medio di rendimento annuo dei prestiti obbligazionari emessi dallo Stato (TMO). Le imprese, per tutti i contratti da stipulare che siano espressi in euro, qualora intendano riconoscere un rendimento finanziario, definiscono il tasso di interesse garantito tale che l’equivalente valore annuo posticipato risulti non superiore al TMG vigente. Relativamente ai contratti a premi unici ricorrenti, che prevedono tassi di interesse garantiti variabili secondo meccanismi predefiniti nel rispetto dei limiti del TMG, le modifiche sui tassi di interesse si applicano esclusivamente ai premi con scadenza successiva alla data di variazione. Le imprese, nel prestare garanzie finanziarie, si attengono comunque a criteri prudenziali, tenendo in debita considerazione il rendimento effettivo degli attivi posti a copertura degli impegni assunti, delle condizioni del mercato finanziario, attuali e prospettive, nonché della durata per la quale vengono prestate le garanzie.
Per i contratti con generica provvista di attivi il TMG, da applicare ai contratti per i quali le imprese detengono una generica provvista di attivi per la copertura degli impegni assunti, è definito sulla base dell’andamento registrato dal sessanta per cento del TMO, riferito alle ultime tre rilevazioni mensili note.
Per i contratti con idonea provvista di attivi il TMG, da applicare ai contratti a premio unico di assicurazione non di puro rischio e di capitalizzazione, per i quali le imprese dispongano di un’idonea provvista di attivi per la copertura degli impegni assunti, limitatamente ai primi otto anni della durata contrattuale, è definito sulla base dell’andamento registrato dal settantacinque per cento del TMO, riferito alle ultime tre rilevazioni mensili note.
In definitiva per il mese di marzo 2012 l’ISVAP ha determinato il TMG per i contratti con generica provvista di attivi nella misura del 3% (60% TMO) e quello per i contratti con idonea provvista di attivi nella misura del 4% (75% TMO) 1.
 
5 giugno 2012


1 Vedi bollettino mensile ISVAP n. 4/2012.