Ania: per imprese assicuratrici utile vola a 8 miliardi di euro

141

COMUNICATO STAMPA

2 luglio 2024

Ania, Assoutenti: per imprese assicuratrici utile vola a 8 miliardi di euro

Dopo gli extra-profitti energetici e bancari arrivano ora quelli delle assicurazioni. Serve urgente riequilibrio della ricchezza

Dopo gli extra-profitti energetici e bancari, arrivano ora quelli delle assicurazioni, i cui utili secondo i dati forniti pochi giorni fa dall’Ivass sono volati nell’ultimo anno a 8 miliardi di euro. Lo afferma Assoutenti, commentando la relazione annuale dell’Ania.

“Serve con urgenza un riequilibrio nella allocazione della ricchezza in questi tre settori chiave controllati fortemente dallo Stato – spiega il presidente onorario di Assoutenti, Furio Truzzi – Vogliamo la riduzione di mutui, bollette di luce e gas, tariffe Rc auto, e in particolare nel settore delle assicurazioni (che dovrebbero garantire una forte socialità del loro operare), che siano cambiate le leggi per assicurarsi contro i rischi catastrofali e i cambiamenti sociali. Le imprese asscuratrici diano l’esempio varando un piano Marshall di aiuti alle famiglie e alle imprese colpite dalle alluvioni in Piemonte e Val d’Aosta, e a quelle messe in ginocchio dalla siccità e dagli incendi in Sicilia e Campania”.

“In tal senso il Presidente della Repubblica sia il garante di un nuovo articolo in Costituzione dove le assicurazioni siano inserite al servizio della comunità: gli italiani devono comprendere la necessità di assicurarsi per garantirsi una mutualità concreta sui tanti rischi poco coperti, ma le compagnie di assicurazioni devono innovare prodotti e processi e non vivere di rendita di posizione. Tale scenario deve essere vigilato da una autorità veramente indipendente, una casa di vetro, la cui governance dev’essere decisa dal Parlamento. I consumatori, le loro ragioni e la loro lungimiranza meritano di entrare nella vigilanza del settore dalla porta principale” – conclude Truzzi.

🔵Segui la nostra pagina Facebook 

✅ Se vuoi contattare Assoutenti per un reclamo clicca qui