Sono una persona: i miei dati valgono! Aderisci all’azione collettiva per ottenere rimborso da Facebook

2377

Anche il Tribunale Amministrativo del Lazio ha sancito la non gratuità dei servizi di Facebook: i dati forniti ogni giorni al social network dagli utenti hanno un valore economico e la piattaforma li raccoglie con scopi commerciali.

Il problema è che in fase di registrazione alla piattaforma, gli utenti non ne vengono avvertiti! Come evidenziato anche dall’Antitrust, che per questa ragione ha sanzionato Facebook, l’informativa rilasciata non riporta in modo esaustivo i termini della raccolta e dell’uso dei dati dell’utente, inducendolo a credere in un’iscrizione a tutti gli effetti “gratuita”.

Assoutenti si unisce alle iniziative delle altre associazioni dei consumatori e degli utenti e lancia la campagna “Sono una persona: i miei dati valgono!” per richiedere il risarcimento degli utenti per ogni anno di registrazione alla piattaforma, visto l’utilizzo improprio che il social network ha fatto dei dati personali. ADERISCI ANCHE TU ALL’AZIONE COLLETTIVA COMPILANDO IL NOSTRO FORM, VERRAI CONTATTATO QUANTO PRIMA: