Perché non funziona il Registro delle opposizioni?

0
538

Lettera delle associazioni dei consumatori al Garante della privacy per realizzare una effettiva tutela dei cittadini

 

Il Registro delle opposizioni è stato istituito 2 anni fa (Dpr n. 178 del 2010 ): nell’intenzione dei suoi promotori, questo strumento avrebbe dovuto consentire di risolvere il problema delle c.d. “telefonate indesiderate” da parte di aziende che offrono i loro prodotti e servizi, a tutte le ore del giorno.

Le Associazioni dei consumatori avevano espresso sin dall’inizio profonde perplessità sulla disciplina, sostenendo che la logica era sbagliata: sarebbe bastato prevedere l’iscrizione ad un Registro solo coloro che fossero interessati a ricevere telefonate al proprio domicilio anziché il contrario.

L’esperienza concreta ha rafforzato i nostri dubbi; l’interesse dei cittadini per uno strumento che garantisca effettivamente la privacy è elevatissimo (oltre un milione di iscritti, nonostante la scarsa pubblicità realizzata) ma i risultati sono deludenti: continuiamo infatti a ricevere segnalazioni da parte di tanti cittadini, i quali lamentano di ricevere telefonate nonostante risultino iscritti al Registro.

Per queste ragioni 9 associazioni dei consumatori (Adoc, Adiconsum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Federconsumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori) ha scritto una lettera al nuovo Garante per la protezione dei dati personale (l’intero Collegio è stato recentemente rinnovato) per sollecitare un intervento a tutela della privacy, minacciata da un’incontrollata attività di teleselling svolta da molte aziende di diversi settori produttivi.

Nei mesi scorsi il precedente Presidente, Francesco Pizzetti, aveva espresso posizioni critiche nei confronti del Registro delle opposizioni ed il suo concreto funzionamento, preannunziando un’attenta attività ispettiva e sanzionatoria degli abusi in questo campo. Ad oggi, non sono ancora noti i risultati di tale monitoraggio e i provvedimenti finora assunti dall’Autorità non si sono rilevati efficaci per contrastare il fenomeno del “telemarketing selvaggio”. Riteniamo essenziale avere dati certi sul fenomeno dell’attività di telemarketing illegale e avviare una seria discussione sulle modifiche alla disciplina vigente, che consente facilmente ad operatori di eludere la legge, soprattutto perché l’iscrizione al Registro non preclude l’utilizzo delle liste con dati raccolti autonomamente da singole aziende, spesso senza una corretta informazione dei cittadini. 

6 luglio 2012

 

 

 

                                                                               Dott.  Antonello Soro
Presidente dell’Autorità Garante
per la protezione dei dati personali
Piazza Monte Citorio 121
00186 Roma
 
e p.c Dott. Daniele De Paoli
Segretario Generale dell’Autorità 
Garante per la protezione dei dati 
personali
Fax n° 06.69677.3785
 
 
Le sottoscritte Associazioni dei consumatori ritengono necessario richiamare l’attenzione del Presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personale e dell’intero Collegio, recentemente nominato dalle Camere, in merito al delicato problema della tutela della privacy minacciata da un’incontrollata attività di teleselling svolta da molte aziende di diversi settori produttivi.
Le Associazioni dei consumatori avevano espresso sin dall’inizio profonde perplessità sul c.d. Registro delle opposizioni, istituito ai sensi del Dpr n. 178 del 2010, che si sono via via accresciute nel corso del tempo: abbiamo infatti ricevuto numerosissime segnalazioni da parte di cittadini, i quali lamentano di ricevere telefonate per la promozione di beni e servizi ad ogni ora del giorno, nonostante risultino regolarmente iscritti al Registro.
Il Presidente Francesco Pizzetti aveva espresso in più occasioni una posizione critica nei confronti della disciplina vigente, che consente facilmente ad operatori di eludere la legge, preannunziando un’attenta attività ispettiva e sanzionatoria degli abusi in questo campo: dobbiamo purtroppo constatare che non sono noti i risultati di tale monitoraggio e che i provvedimenti finora assunti dall’Autorità non si sono rilevati efficaci per contrastare il fenomeno del “telemarketing selvaggio”. Né elementi utili ad una riflessione sono stati forniti dal Presidente della Fondazione Ugo Bordoni, che gestisce tale Registro, in occasione dell’incontro svoltosi il 15 giugno scorso con alcune Associazioni.
Siamo certi che vorrà esaminare in tempi brevi la problematica da noi sollevata, anche al fine di avviare un confronto in merito alle soluzioni organizzative e normative indispensabili a dare risposta alla richieste di tutela della privacy che provengono da tanti cittadini.
Voglia gradire i nostri più cordiali saluti e un augurio di buon lavoro
 
Adoc
Adiconsum
Assoutenti
Cittadinanzattiva
Codacons
Codici
Federconsumatori
Movimento Difesa del Cittadino
Unione Nazionale Consumatori