Pasta alle stelle, Mimit convoca la Commissione di allerta. Assoutenti: accolta nostra segnalazione

906

COMUNICATO STAMPA

4 maggio 2023

 

 

Pasta alle stelle, Mimit convoca la Commissione di allerta. Assoutenti: accolta nostra segnalazione dello scorso aprile, prezzi non in linea con quotazioni grano

 

Studio Assoutenti certifica per la pasta prezzi fino a 2,44 euro al kg con rincari medi del 25,3% nelle principali città italiane

 

 

 

La convocazione della Commissione di allerta rapida sui prezzi da parte del Mimit per analizzare la dinamica del prezzo della pasta rappresenta una vittoria per Assoutenti, che lo scorso aprile aveva presentato una apposita segnalazione sul caso, e per tutti i consumatori italiani.

“Ad aprile abbiamo segnalato al Mimit e a Mister Prezzi alcune anomalie nell’andamento dei prezzi al dettaglio della pasta in Italia – spiega il presidente Furio Truzzi, membro della Commissione di allerta rapida e promotore della denuncia sul caro-pasta – In base al dossier realizzato da Assoutenti, tale prodotto ha subito nell’ultimo anno rincari fortissimi che non sembrano giustificati dalle quotazioni del grano. Ad esempio ad Ancona, città che vanta il prezzo più alto d’Italia, un chilo di pasta costava in media a marzo 2,44 euro (Modena 2,41 euro/kg, Cagliari 2,40 euro/kg, Bologna 2,39 euro/kg, Genova 2,38 euro al kg), e solo in 12 province i listini di spaghetti, rigatoni, penne ecc. risultavano inferiori ai 2 euro al kg”.

“I rincari più pesanti si sono registrati in diverse province della Toscana: il record spetta a Siena, dove un chilo di pasta è salito da una media di 1,37 euro/al kg dello scorso anno ai 2,17 euro di marzo, con un aumento del 58,4%. Incrementi superiori al 50% anche a Firenze (52,8%) e Pistoia (51,8%). Il prezzo medio della pasta in Italia è attualmente pari a circa 2,13 euro al kg, con un aumento medio del +25,3% rispetto allo scorso anno, quando i listini erano pari in media a 1,70 euro/kg).

“La pasta è uno dei beni più amati dagli italiani, con un consumo pari a circa 23 kg procapite in un anno, ed è evidente che listini così elevati incidono sulle tasche dei consumatori – spiega il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi – Se lo scorso anno l’inizio del conflitto in Ucraina aveva provocato una tsunami sui mercati delle materie prime come grano, frumento, mais, ecc., oggi la situazione appare diversa, con le quotazioni che, secondo Coldiretti, sono calate del 30% rispetto allo stesso periodo del 2022. Va poi considerato che i prezzi del grano sono omogenei su tutto il territorio nazionale e si attestano attorno ai 38 centesimi di euro al chilo: non si capisce quindi la ragione di differenze dei listini al dettaglio della pasta così elevate tra le varie province. Per tale ragione riteniamo una vittoria per i consumatori la convocazione della Commissione di allerta rapida sui prezzi da parte del Mimit” – conclude Truzzi.