La vendita a prezzi “scontati” di alcuni giocattoli della Bennet

0
650

Un nuovo caso di pratica scorretta nel campo delle vendite promozionali sanzionato dall’Antitrust

 Il 10 marzo 2010 l’Antitrust ha giudicato scorretta la vendita di alcuni giocattoli, effettuata nel corso del 2008 dalla Bennet (importante società che opera nella distribuzione commerciale), applicando una sanzione di 80.000 euro 1.

 
L’Agcm, in base ad una segnalazione effettuata dalla Guardia di finanza, ha verificato che il prezzo “scontato” indicato su alcuni articoli presso i punti vendita della Bennet era in realtà già praticato in precedenza, ben prima dell’inizio della vendita promozionale.
La presenza di un cartellino con un prezzo “originario” molto più alto, debitamente sbarrato – e dal “nuovo prezzo scontato” è idonea ad indurre il consumatore ad acquistare tali articoli al fine di usufruire dell’”offerta promozionale”, tenuto conto anche dell’entità dello sconto praticato.
 
 
L’Antitrust dedica molto attenzione alle pratiche scorrette in tema di saldi e vendite promozionali. Se vuoi approfondire questo argomento, vedi la scheda contenuta nella rubrica “La pubblicità sotto la lente di Assoutenti” (clicca qui ).
 
 
29 marzo 2010


1 Vedi il procedimento PS5212 – provvedimento 20893, pubblicato sul Bollettino dell’Agcm n. 10/2010.