Farmaci, maxi multa da Antitrust a Roche e Novartis. Assoutenti e Unione Nazionale Consumatori inviano lettera al Ministro Lorenzin

0
816

Assoutenti e Unione Nazionale Consumatori inviano lettera al Ministro Lorenzin e al Sottosegretario Delrio, con cui esprimono preoccupazione in merito alla risposta del Direttore Generale della DG-SANCO (Direzione Generale della Salute e dei Consumatori) della Commissione Europea, Paola Testori Coggi, alla lettera di richiesta chiarimento inviata dal direttore dell’Agenzia AIFA sull’uso off-label del farmaco Avastin (bevacizumab) in ambito oculistico, che sembrava essere scritta più a protezione dell’AIFA, delle case farmaceutiche che dei consumatori e della loro salute.

 

Leggi la lettera al Ministro Lorenzin e al Sottosegretario Delrio

 

La cronistoria e i nostri precedenti interventi nel caso Novartis-Roche

 Maxi multa da oltre 180 milioni di euro alle due multinazionali farmaceutiche Roche e Novartis per aver fatto un cartello che ha condizionato le vendite di Avastin e Lucentis, i due principali prodotti per la cura della vista. Secondo l’Antitrust i due gruppi si sono accordati illecitamente per ostacolare la diffusione dell’uso di Avastin (farmaco più economico), nella cura della più diffusa patologia della vista tra gli anziani e di altre gravi malattie oculistiche, a vantaggio di Lucentis (molto più costoso), differenziando artificiosamente i due prodotti.

Dichiara Mario Finzi di Assoutenti: Mentre apprezziamo l’ottimo lavoro di Antuitrust, non possiamo fare a meno di rilevare che l’importo della sanzione farà solo il solletico alle due multinazionali rispetto agli illeciti guadagni ottenuti. Le sanzioni non sono mai dissuasive. Inoltre resta il sospetto che , se Antitrust ne avesse i mezzi, scoprirebbe in campo sanitario moltissimi altri casi di intese truffaldine di questo genere. Spero che il Ministero della Salute e il MEF wsi attivino in sede civile per ottenere il risarcimento dei danni subiti dallo Stato in conseguenza di questa intesa.

 

La differenza di costo per iniezione è significativa:  Avastin ha un costo pari al massimo a 81 euro, mentre il costo di Lucentis risulta attualmente pari a circa 900 euro (in precedenza, peraltro, il costo superava i 1.700 euro).

Per il Sistema Sanitario Nazionale l’intesa ha comportato un esborso aggiuntivo stimato in oltre 45 milioni di euro soltanto nel 2012, con possibili maggiori costi futuri fino a oltre 600 milioni di euro l’anno. A Novartis e Roche sono state imposte sanzioni rispettivamente di 92 e 90,5 milioni di euro.

Secondo l’Antitrust l’intesa ha avuto quale possibile conseguenza, tra l’altro, una maggior difficoltà nelle possibilità di cura per molti pazienti.

Dalla documentazione acquisita, anche grazie alla collaborazione del Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza, è emerso che le capogruppo Roche e Novartis, anche attraverso le filiali italiane, hanno concertato sin dal 2011 una differenziazione artificiosa dei farmaci Avastin e Lucentis, presentando il primo come più pericoloso del secondo e condizionando così le scelte di medici e servizi sanitari.

Fonte www.helpconsumatori.it