Disabili costretti a scendere dal treno Genova-Milano

0
402

COMUNICATO STAMPA

Cronaca nazionale e di Genova

18 aprile 2022

 

 

Ragazzi disabili costretti a scendere dal treno Genova-Milano, Assoutenti: presentiamo esposto in Procura per violenza privata

 

Responsabili siano identificati e nei loro confronti “daspo” a vita su tutti i treni italiani

Sul caso dei ragazzi disabili fatti scendere dal treno Genova-Milano a causa del rifiuto dei passeggeri di cedere loro i posti regolarmente prenotati interviene Assoutenti, la più importante associazione a difesa dei passeggeri del trasporto aereo, marittimo, ferroviario e stradale, che annuncia la presentazione domani di un esposto alle Procure della Repubblica di Genova e di Milano per la possibile ipotesi di violenza privata.

“Si tratta di un episodio molto grave, un esempio di inciviltà e degrado morale che potrebbe realizzare un vero e proprio illecito di natura penale – spiega il presidente Furio Truzzi – Chiediamo alla Procura di Genova e a quella di Milano di identificare, anche attraverso l’ausilio delle telecamere di sicurezza, tutti i passeggeri che hanno costretto i ragazzi disabili a scendere dal treno, e di procedere nei loro confronti in base all’art. 610 del codice penale secondo cui “Chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito con la reclusione fino a quattro anni”.

“Chiediamo inoltre che le pubbliche autorità e le società del trasporto ferroviario elevino nei confronti dei responsabili della triste vicenda un “daspo” a vita su tutti i treni italiani, vietando ai soggetti che hanno rifiutato di cedere il posto ai disabili l’utilizzo di qualsiasi tipo di treno, allo scopo di dare un segnale forte di condanna verso simili barbarie” – conclude Truzzi.