Diritti dei Consumatori: arriva la nuova direttiva europea

1456

Ecco le novità rilevanti : maggiori informazioni su vendite a distanza, più tempo per recesso e ripensamento e divieto di applicare al consumatore aumenti di costi per acquisti effettuati con bancomat o carte di credito.

Nella Gazzetta Ufficiale 11/03/2014 n°58 è stato pubblicato il Decreto Legislativo del 21/02/2014 che recepisce nel nostro ordinamento le disposizioni contenute nella direttiva UE 2011/83 in materia di diritto dei consumatori, soprattutto per quanto riguarda le maggiori informazioni precontrattuali e le norme relative a contratti a distanza e negoziati fuori locali commerciali.

Tra le principali novità:

Ripensamento: si passa dai 10 giorni attuali ai 14 giorni previsti dalle normative comunitarie per esercitare tale diritto.

Nel caso in cui il consumatore non sia preventivamente informato sul suo diritto al ripensamento, il recesso può arrivare fino a 12 mesi dalla data dell'acquisto rispetto agli attuali 60/90 giorni.

Recesso: il venditore deve restituire la somma versata entro 14 giorni e non entro i 30 giorni attuali.

Il consumatore invece avrà più tempo per restituire il bene acquistato: 14 giorni, anziché 10 giorni come avviene attualmente.

Carte di credito e Bancomat: Non sarà più possibile applicare al consumatore aumenti di costi per acquisti effettuati con carte di credito e bancomat, tutelando e incentivando nello stesso tempo l'utilizzo di questi strumenti di pagamento.

Analogo limite di aumento di costi riguarda la tariffa telefonica su linee dedicate messe a disposizione del consumatore dal venditore, nelle vendite dirette e nelle vendite a distanza.

Sarà l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) a vigilare sull’applicazione delle norme in questione e a sanzionare le eventuali pratiche commerciali scorrette.

I maggiori poteri dell’AGCM in materia di pratiche commerciali scorrette saranno in vigore già dal 26 marzo.