Con embargo gas stangata da +3.192 euro a famiglia

0
257

COMUNICATO STAMPA

9 aprile 2022

 

Prezzi, Assoutenti: con embargo gas Russia e inflazione a 8% stangata da +3.192 euro annui a famiglia ed effetti su consumi fino al -5%

 

Si andrà verso razionamento forniture, limitazioni a riscaldamento nelle case e stop a produzioni

 

Governo vari piano per bloccare prezzi dei beni di prima necessità, garantire servizi essenziali e sostenere famiglie nella riduzione dei consumi energetici

In caso di effettivo embargo del gas russo, a partire dal prossimo autunno si registreranno conseguenze dirette per milioni di famiglie e imprese italiane che costringeranno i cittadini a rivoluzione del tutto le proprie abitudini quotidiane. Non solo. L’effetto su inflazione e prezzi al dettaglio stimato da Bankitalia in un ottimistico +8% (ma in base alle stime di Assoutenti il tasso potrebbe addirittura superare il +10% in caso di embargo), produrrebbe una maggiore spesa annua pari a +3.192 euro a famiglia con effetti diretti sui consumi, che potrebbero calare fino al -5%.

Lo afferma Assoutenti, dopo l’approvazione della risoluzione sulla Russia da parte del Parlamento Europeo.

Uno stop alle importazioni del gas russo farebbe sentire i suoi effetti in particolare a partire dal prossimo autunno – analizza Assoutenti – La riduzione delle disponibilità di energia porterebbe inevitabilmente ad un razionamento delle forniture che colpirebbe sia le attività produttive, sia le famiglie. Nello specifico si andrà verso una limitazione della capacità di consumo di elettricità per uso domestico all’interno delle abitazioni, con una inevitabile riduzione dell’uso di elettrodomestici e apparecchi vari da parte degli utenti.

Per il gas ci sarebbe una probabile sospensione delle forniture presso condomini e abitazioni private in determinati orari del giorno – con la conseguenza che le famiglie non potranno utilizzare acqua calda, cucinare o utilizzare i riscaldamenti oltre un certo orario – e una limitazione generale delle temperature del riscaldamento nelle case come negli uffici pubblici.

Il razionamento delle forniture sulle produzioni, inoltre, avrebbe effetti sui prezzi al dettaglio nel nostro paese, portando l’inflazione all’8% e determinando una stangata da quasi +3.200 euro a famiglia solo come conseguenza dei rincari dei prezzi – stima Assoutenti.

“L’embargo al gas russo rappresenta l’unica soluzione percorribile per slegare l’Italia dalla dipendenza energetica e frenare lo strapotere della Russia – afferma il presidente Furio Truzzi – Il Governo non può farsi trovare impreparato, e deve studiare già da adesso un piano che, in caso di razionamento dell’energia, blocchi i listini dei generi di prima necessità, garantisca i servizi essenziali e il rifornimento di generi alimentari, e accompagni le famiglie verso una riduzione “dolce” dei consumi in grado di limitare il più possibile l’impatto sulla vita quotidiana dei cittadini”.