Chiediamo più sicurezza sui treni e nei pressi delle stazioni

373

COMUNICATO STAMPA

7 marzo 2023

 

 

Passanti accoltellati, Assoutenti: in costante aumento aggressioni sui treni e nei pressi delle stazioni italiane, Governo invii esercito a presidiare snodi ferroviari

 

Stazioni sempre più far west, chiediamo incontro a Ministri dell’Interno e dei Trasporti per portare istanze dei cittadini che chiedono più sicurezza

 

 

Dopo i gravi fatti di Milano, dove 6 passanti sono stati accoltellati in strada nei pressi della stazione Centrale, Assoutenti chiede oggi al Ministro dell’Interno Piantedosi di disporre subito l’invio dei militari dell’Esercito nelle principali stazioni ferroviarie italiane allo scopo di presidiare il territorio e garantire la sicurezza di cittadini e passeggeri.

“A Milano come a Roma o a Napoli stanno aumentando in modo preoccupante aggressioni, rapine e violenze e danno di cittadini e viaggiatori sia nei pressi delle stazioni ferroviarie che a bordo dei treni – spiega il presidente Furio Truzzi – Un fenomeno esteso purtroppo in tutta Italia, dove gli snodi ferroviari nelle ore serali e di notte si trasformano sempre più spesso in far west anche a causa della carenza di forze dell’ordine sul territorio”.

“Per tale motivo non si può lasciare alla sola responsabilità della “sicurezza aziendale” delle Ferrovie dello Stato l’ordine pubblico nelle stazioni e sui treni, ed è indispensabile innalzare da subito il livello di sicurezza, ricorrendo oltre che alla Polfer ai militari dell’Esercito per presidiare sia l’interno che l’esterno delle principali stazioni ferroviarie. In tale direzione chiediamo un incontro ai Ministri dell’Interno e dei Trasporti per portare all’attenzione del Governo le istanze degli utenti che chiedono più sicurezza quando entrano o escono dalle stazioni o quando salgono sui treni, sempre più spesso teatri di gravi episodi di violenza” – conclude Truzzi.