ALLUVIONE GENOVA

0
755

Ammontano ad 1 miliardo circa i danni provocati dall'ultima alluvione.

Le Associazioni dei consumatori chiedono un fondo alluvionati,  la nomina di un commissario ad acta per la gestione del fondo e la sospensione del pagamento delle tasse per i cittadini genovesi – CONTINUA A LEGGERE

 

15 ottobre 2014 – La stima dei danni emerge da un'analisi dell'Istituto Ligure del consumo secondo cui  400 milioni sono le spese per le opere pubbliche, 350 milioni per le imprese e 250 milioni per le famiglie.

 

 

 

 

CONSEGNA BUONI PASTO

15 ottobre 2014 – Al motto di #alluvionatinonrassegnati, Assoutenti ha consegnato, nei quartieri di Genova colpiti dall'alluvione, centinaia di buoni pasto dal valore di 10 euro l'uno ai volontari impegnati a ripulire la città dal fango

Guarda il Video

 

 

  

COMUNICATO STAMPA – 13 ottobre 2014 – POOL PER RICHIESTA RISARCIMENTO

 

 Per raccogliere le segnalazioni e le adesioni rivolgersi a:

info@assoutenti.liguria.it – 010 540256

confcommercio@ascom.ge.it – 010 55201

sede@anacige.it

 

 

Assoutenti costituisce un pool di legali e professionisti (metereologi, geologi, medici, ingegneri, architetti e geometri) per attivare immediatamente una richiesta di risarcimento per i danni subiti.
sollecitati dai cittadini, dalle imprese e dai condomini danneggiati dall'evento alluvionale le associazioni genovesi dei consumatori, dei commercianti, degli amministratori condominiali e dei piccoli proprietari – Assoutenti, Adiconsum, Adoc, Ascom, Anaci, Uppi aperte a ogni altra adesione e con la collaborazione dello Studio Conte&Giacomini avvocati hanno costituito un pool di legali e professionisti (metereologi, geologi, medici, ingegneri, architetti e geometri) per attivare immediatamente una richiesta di risarcimento per i danni subiti alle istituzioni e agli enti che avrebbero dovuto allertare e assicurare adeguata protezione dai terribili eventi di questi giorni e di queste ore.

Eventi sui quali, come è noto, è stata aperta un indagine da parte della procura della repubblica genovese. 

 

Molti "Angeli del fango" infatti in questi giorni hanno spalato senza ricevere aiuti, acqua o pasti caldi, salvo la generosità di qualche barista, panettiere,ristoratore o degli stessi negozianti alluvionati. Per questo Assoutenti ha immediatamente creato una colletta tra i suoi soci e dirigenti raggiungendo la quota di circa 4mila euro con cui sono stati acquistati buoni pasto da consegnare a più splatori possibili. Inoltre Assoutenti invita tutti ad aderire alla manifestazione unitaria con le organizzazioni dei commercianti, dei piccoli proprietari e degli amministratori condominiali, di giovedì 16 ottobre alle ore 14.00 in piazza De Ferrari per incontrare Regione, Comune e prefetto al fine di ottenere un comitato di sorveglianza e gestione per il risarcimento danni che veda protagoniste le associazioni come supporto.

 

 

Dati sconcertanti che spingono i consumatori genovesi (Assoutenti, Adiconsum, Adoc, Codacons, Federconsumatori, Lega Consumatori) a schierarsi uniti  e determinati a fianco di lavoratori e imprese affinché lo Stato crei urgentemente il fondo alluvionati aperto alle imprese, alle famiglie e ai condomini colpiti.

Non solo, visto la precaria e confusa situazione istituzionale locale, che non poco ha contribuito a rendere ancora più gravi gli effetti della catastrofe, chiedono la nomina di un commissario ad acta per la gestione del fondo coadiuvato da un comitato paritetico di sorveglianza e gestione composto da 9 rappresentanti: 3 per le istituzioni locali, 3 per le imprese e i lavoratori, 3 per i consumatori e i condomini che garantisca i risarcimenti entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.

 

In attesa del fondo e del ritorno alla normalità le associazioni dei consumatori chiedono fino al 31 dicembre 2015 la sospensione dall'obbligo del pagamento di tasse, tributi e contributi.

 

Infine dai consumatori genovesi arriva un accorato appello al Presidente del Consiglio Matteo Renzi affinché garantisca i risarcimenti oltre che per le imprese e le opere pubbliche anche per i cittadini consumatori e utenti spesso lasciati soli a fronteggiare l'emergenza e le spese per i danni subiti.

 

Firmato congiuntamente da Assoutenti, Adiconsum, Adoc, Codacons, Federconsumatori, Lega Consumatori