Il ddl concorrenza è legge

0
152

Approvato definitivamente il disegno di legge annuale sul mercato e la concorrenza nel testo identico a quello approvato dalla Camera. Un provvedimento, arrivato al traguardo dopo un percorso lunghissimo.

E’ stato approvato a due anni dalla sua nascita e dopo vari stop and go.

Fra le principali misure del provvedimento va segnalata :

  • la fine del mercato tutelato del’energia elettrica e del gas, fissata al 1° luglio 2019.
  • Viene poi previsto, da settembre 2017, lo stop al monopolio di Poste sull’invio di multe e notifiche.
  • In tema assicurazioni ed RC Auto, il provvedimento prevede sconti per chi installa la scatola nera e per chi non fa incidenti da quattro anni e vive nelle province a più alto tasso di sinistri.
  • Telemarketing – Sono state abolite le norme che obbligavano gli operatori dei call center a dichiarare l’identità del soggetto per il quale avviene la chiamata, specificare la natura commerciale e proseguire la chiamata solo in presenza di assenso del destinatario.
  • Altro settore toccato è quello delle farmacie, dove si prevede un tetto del 20% su base regionale alle società di capitale, mentre non cambia nulla per i farmaci di fascia C che continueranno a essere venduti solo nelle farmacie.
  • La legge contiene anche una norma “Booking” in favore degli albergatori che vieta il parity rate: gli albergatori potranno dunque praticare anche prezzi migliori rispetto a quelli offerti online.
  • Uber – Entro un anno dall’entrata in vigore del ddl il governo è delegato ad adottare un decreto legislativo per la revisione della disciplina in materia di autoservizi pubblici non di linea, come Uber e Ncc.
  • Banche, tetti sui costi per le chiamate di assistenza. Gli istituti bancari e le società di carte di credito assicurano che l’accesso ai propri servizi di assistenza ai clienti, anche attraverso chiamata da telefono mobile, avvenga a costi telefonici non superiori rispetto alla tariffa ordinaria urbana.
  • Cambio operatore tv o telefono: I clienti dovranno essere informati in partenza di quali spese dovranno affrontare in caso di cambio operatore per il telefono o l’abbonamento tv. Cambiare operatore e annullare un contratto (con il recesso) sono operazioni che il consumatore potrà fare anche per via telematica. Il contratto non potrà essere superiore ai 24 mesi. Semplificate le procedure di migrazione tra operatori di telefonia mobile.
  • Pagamento digitalizzati. I pagamenti per l’ingresso ai musei o a eventi culturali potranno essere effettuati anche tramite telefonino.

 

Nessun Commento